Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

Cresce la polemica sulle istanze dei pendolari

Come rappresentanti di vari comitati pendolari della Lombardia non possiamo astenerci dal commentarel’analisi realizzata dall’assessore ai trasporti di regione Lombardia Terzi per descrivere le origini deldeprecabile e progressivo peggioramento delle condizioni di viaggio dei 750.000 pendolari lombardi permano di TRENORD. L’articolo a cui ci riferiamo è stato pubblicato in data 12/11/2018 sul quotidiano “Laprovincia – Quotidiano di Cremona e Crema”. L’articolo viene posto qui accanto in versione integrale inquanto questo comunicato vuole commentare punto su punto quella che noi riteniamo la limitata esemplicistica analisi condotta dall’assessore. Ognuno dei pendolari membro dei nostri comitati condividequanto sotto riportato e chiede di avere dei chiarimenti ad una serie di domande che perennemente ciarrovellano negli interminabili minuti trascorsi in piedi su un treno in ritardo“..CHE IL SERVIZIO FERROVIARIO LOMBARDO VERSI INCONDIZIONI INACCETTABILI E’ QUANDO RICONOSCIUTO DALLAGIUNTA” Mi spiace molto che la giunta precedente dello stessocolore politico di quella attuale in Lombardia non abbiaassolutamente notato la cosa. Forse perché nella politica dellechiacchiere e dello scarica barile per arrivare a scranni semprepiù importanti, la mistificazione di eccellenze rende di più intermini di voti (10/2016 P. Grimoldi, Segretario della Lega“Trenord è un’eccellenza lombarda”). Effettivamente inLombardia non siamo avvezzi a bizantinismi ma direttamente atravisare la realtà quasi a toccare la spudorata menzogna, allaluce dei fatti e della resa senza condizioni di Regione (e diconseguenza dei 750.000 Pendolari lombardi) davantiall’incompetenza gestionale di Trenord.Lo stesso Ex assessore Sorte, dall’alto della sua lungimiranza ecompetenza a giugno 2018 (Corriere della Sera, Bergamo) sidomandava “basito” come fosse possibile che esattamente conl’avvio del suo nuovo incarico come deputato alla camera, «Daqualche mese tutto è peggiorato» a livello di trasporto su ferroin Lombardia. Lui la sua parte l’ha fatta, i treni nuovi con i soldidella regione li ha comprati, casualmente proprio in pienacampagna elettorale. Ma Il fatto che l’età media dei trenicircolanti fosse di 30 anni, e che i treni nuovi servissero come ilpane, non lo scopriva certo all’ultimo mese della sua sterminatacavalcata di successi amministrativi del suo mandato regionale,oppure Si? Purtroppo tra le tante cose che non aveva messo afuoco c’era anche la lezione DEI TRENI PER EXPO 2015,ricordandosi troppo tardi che i treni non li vendono inconcessionari come le auto, ma che servono anni perché sianoconsegnati.MOLTO SPESSO LE CAUSE DI GROSSI PROBLEMI SONO MOLTOPIU SEMPLICI E VICINE A NOI DI QUANTO POSSIAMOIMMAGINARE ASSESSORE TERZICHE FORSE IL PROBLEMA DI TRENORD INIZI PROPRIO DAL FATTOCHE UN EX ASSESSORE DOPO 2-3 MESI NON RIESCA ACAPACITARSI DEL DISASTRO IN CUI VERTE UNA BUONA PARTEDELL’OGGETTO DEL SUO EX MANDATO AMMINISTRATIVO, ECIOE’ il trasporto su ferro in questa regione? FACCIO NOTARECHE SORTE NON VIENE CITATO NEANCHE UNA VOLTA NELLASUA ANALISI, ASSESSORE TERZI. 

Please follow and like us:
error

Lascia un commento