Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

Pubblicato il: 21 Novembre 2018 alle 10:46

Verbania, Montani:su area Acetati a fianco dei commercianti

Dopo l’incontro di ieri per la presentazione del Masterplan per il recupero dell’area ex Acetati, al quale hanno partecipato il primo cittadino, esponenti della società industriale e un folto gruppo di commercianti tutti contrari, il senatore della Lega Enrico Montani interviene in una nota per puntare il dito contro sindaco e giunta di Verbania. «Ho aspettato a prendere una posizione – afferma Montani – perché ho sperato per il bene della città che l’Amministrazione, a seguito delle proteste di questi giorni arrivate da ogni parte, facesse un passo indietro, dimostrando una maturità che purtroppo non si è rivelata tale. La scelta di realizzare un maxi parco commerciale nel cuore della città non può che essere giudicata negativamente – si legge nel comunicato – ed è chiara la posizione nettamente contraria espressa dalla maggior parte di colore che erano presenti alla riunione al Maggiore. Sindaco e giunta hanno agito senza prendere in considerazione la posizione dei verbanesi, cosa che la Lega farà attraverso i questionari distribuiti nei gazebo, e soprattutto senza tener conto del fatto che la nascita dell’ennesimo centro commerciale avrà come conseguenza la morte di tanti piccoli negozi di Intra e Pallanza che rappresentano il vero tessuto economico e sociale della città. Tra l’altro – prosegue la nota – è una vera presa in giro da parte del sindaco organizzare incontri e visite all’Acetati dopo aver già deciso il destino di quell’area e senza aver ascoltato la città. Il sindaco si è fatta paladina della “Società Acetati” e non degli interessi dei nostri cittadini. Chiedo che venga fatto un passo indietro e ridiscussa una posizione che ad oggi è nociva per Verbania. La Lega combatterà in tutte le sedi opportune questa battaglia a fianco di commercianti e cittadini: prima di tutto, non ci sono dubbi, vengono i verbanesi». Montani, infine, nutre «perplessità sulle reali motivazioni che hanno indotto a stringere questo patto con gli industriali e sull’effettivo compimento della bonifica dell’area» e attacca il pd verbanese «completamente assente, assoggettato alle scelte scellerate del sindaco e privo del coraggio necessario per alzare la voce».

Lascia un commento