Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

Besnate: SALVATO DAL SUICIDIO dalla Polizia Locale

Besnate, in tarda mattinata ‘è stato l’ennesimo tentativo di suicidio per fortuna non prtato a termine per l’intervento della Polizia Locale, allertata dalla presenza del trentenne sui binari.
Era seduto sul binario in attesa della morte il residente a Maccagno con Pino e Veddasca, ma prima del treno, linea Gallarate-Luino, ma come nei film l’arrivo ” dei nostri” è stato provvidenziale.
Le sue condizioni dimostravano quanto fosse malmesso, stressato e confuso per arrivare a un gesto estremo.

Citiamo il pensiero di un grande scrittore sul tema citato:

  • Ci si può domandare se è ragionevole e morale – questi due termini sono inseparabili – uccidersi.
    No! Uccidersi è irragionevole, così come tagliare i polloni di una pianta che si vorrebbe estirpare. Essa non morrà, crescerà irregolarmente, ecco tutto. La vita è indistruttibile, al di là del tempo e dello spazio. La morte non può che cambiarne la forma, mettendo fine alla sua manifestazione in questo mondo. Ma rinunciando alla vita in questo mondo, io non so se la forma che essa prenderà altrove, mi sarà più gradita e in secondo luogo io mi privo della possibilità di imparare e di acquisire a profitto del mio io, tutto ciò che avrei potuto apprendere in questo mondo. D’altra parte e soprattutto, il suicidio è irrazionale perché, rinunciando alla vita a causa del disgusto che essa mi provoca, io mostro di avere un concetto errato dello scopo della mia vita, supponendo che serva al mio piacere, mentre essa ha per scopo, da un lato, il mio perfezionamento personale e dall’altro la cooperazione all’opera generale che si compie nel mondo.
    Ed è per questo che il suicidio è immorale. All’uomo che si uccide, la vita era stata data con la possibilità di vivere fino alla sua morte naturale, a condizione di essere utile all’opera generale della vita e lui, dopo aver goduto della vita, finché gli è parsa gradevole, ha rinunciato a metterla al servizio dell’utilità generale, appena gli è divenuta spiacevole; mentre verosimilmente egli cominciava a divenire utile nel preciso istante in cui la sua vita si incupiva, perché ogni lavoro comincia con travaglio. (Lev Tolstoj)
Please follow and like us:
error

Lascia un commento