Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

Pubblicato il: 16 Novembre 2018 alle 17:33

Si rompe un finestrino dopo il decollo.

 Aereo costretto all’atterraggio di emergenza.

Attimi di terrore su un aereo della compagnia Air Austral quando, dopo il decollo, intorno alle 10:45 del mattino, un vetro della cabina si è incrinato. Il volo UU274 delle ore 10:30 della compagnia aerea di Riunione era appena decollato da Saint-Denis verso Mamoudzou, l’isola principale di Mayotte, con arrivo previsto alle 11:40, quando una crepa sul vetro della cabina di pilotaggio ha fatto temere il peggio per i piloti e i passeggeri. Se il vetro si fosse rotto infatti sarebbe venuta meno la pressurizzazione della cabina e tutti i presenti avrebbero rischiato la vita. Prontamente i piloti hanno effettuato un atterraggio di emergenza all’aeroporto di Roland-Garros dell’isola La Réunion nell’Oceano Indiano. Tutti i passeggeri stanno bene e l’operazione di atterraggio si è svolta in totale sicurezza anche se resta da capire il perché il vetro abbia ceduto, incrinandosi, forse a causa di uno sbalzo termico. Air Austral, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti” confermando l’accaduto, ha precisato che l’atterraggio si è svolto in condizioni di sicurezza e ha dichiarato: ” Un incidente si è verificato questo venerdì mattina sul volo UU274 Air Austral da Reunion a Dzaoudzi (Mayotte), partito alle ore 10:30 di questa mattina è atterrato tranquillamente dopo 15 minuti, dopo aver deviato per precauzione, in seguito a un guasto casuale di un elemento riscaldante nel parabrezza dell’aereo che ha causato una crepa.”L’aereo A330 Hifly  è atterrato in modo sicuro e senza incidenti ed è stato accolto dai servizi di emergenza dell’Aeroporto come è prassi standard in tali casi”. “La compagnia si rammarica di questo inconveniente. Ricorda che la sicurezza dei suoi passeggeri è la sua priorità numero uno”.

Lecce, 16 novembre 2018                                                                                                                                                                                            

Giovanni D’AGATA

Lascia un commento