Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

Inquinamento dei mari: Operazione denominata “30 days at sea”

I criminali pensano che l’inquinamento marino sia un reato a basso rischio senza reali vittime. Il che è un errore.” afferma il segretario generale di  INTERPOL, Jürgen Stock, che  aggiunge: “l’inquinamento marino è un crimine transnazionale che mette in pericolo a livello globale la salute, che mina lo sviluppo sostenibile e che richiede una forte risposta di cooperazione tra più agenzie a livello multisettoriale, con una solida architettura di sicurezza globale”.

Le violazioni amministrative hanno riguardato soprattutto la commercializzazione, al dettaglio e all’ingrosso, delle buste monouso biodegradabili e compostabili (shopper) che devono essere conformi agli standard europei di ecocompatibilità. Queste buste devono raggiungere in 180 giorni la percentuale minima del 90% di biodegradazione e non devono avere effetti negativi sull’ambiente dopo la loro disintegrazione.

Il basso costo delle buste non biodegradabili, fino a un decimo rispetto a quelle prev

Le continue evoluzioni meteo frutto di disinteresse della politica ma anche dei cittadini, di fronte allo scempio dell’uomo sulla natura, stanno provocando danni irreversibile, nel disinteresse generale se non quando accadono tragedie.

Logica vorrebbe si intervenisse con un piano nazionale di protezione e prevenzione. Queste operazioni riguardano tutti noi e non solo i Carabinieri.

iste, rappresenta il motivo principale per cui ancora vengono acquistate e utilizzate illecitamente nei singoli punti vendita. Molte di queste, riportanti la sigla HD-PE (polietilene ad alta densità), vengono indebitamente utilizzate per l’imballaggio di prodotti alimentari sfusi, andando così incontro all’applicazione di una sanzione pari a cinquemila euro.

I Carabinieri del Comando Tutela Forestale e dei NOE hanno accertato la provenienza delle buste non conformi anche da Paesi asiatici (Cina e Vietnam), a conferma del rilievo internazionale di tale traffico.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento