Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

Pubblicato il: 14 Novembre 2018 alle 19:10

Due varesini al congresso di Forza Italia Giovani

Congresso Forza Italia Giovani
Congresso Forza Italia Giovani

All’Hotel Parco dei principi di Roma dove domenica si è svolto il Congresso di Forza Italia Giovani c’erano due rappresentanti della provincia di Varese: il bustese Federico Radice e la cassanese Veronica Romano

Stefano Cavedagna è stato eletto per acclamazione nuovo leader dell’organizzazione e succede ad Annagrazia Calabria che la ha guidata negli ultimi otto anni.
In sala erano presenti anche alcuni esponenti di spicco di Forza Italia come Maurizio Gasparri, Maria Stella Gelmini e Annamaria Bernini.
Federico Radice è cresciuto politicamente nel gruppo giovanile di Busto Arsizio guidato dal consigliere comunale Orazio Tallarida e ha postato sul suo profilo Facebook: “Ieri ho avuto l’onore di rappresentare, insieme a Veronica Romano, tutti gli amici della provincia di Varese al Congresso di Forza Italia Giovani.
Un congresso in cui ho dato il mio contributo per ringraziare Annagrazia Calabria, e tutto il coordinamento nazionale uscente, per il lavoro svolto ed eleggere Stefano Cavedagna come nuovo coordinatore.
Ma soprattutto un congresso dove centinaia di giovani, da tutta Italia, hanno dato il loro contributo per rilanciare, non solo un movimento giovanile, non solo un partito, non solo la coalizione di centrodestra, ma un intero Paese.
Perché, ne sono convinto, é solo con Forza Italia, ed un centrodestra unito e di governo, che si può dare voce all’Italia che vuole lavoro, non assistenzialismo, l’Italia che vuole solidarietà e collaborazione, non odio e invidia sociale, l’Italia che vuole sicurezza, meno tasse e vuole dare la possibilità ad ogni cittadino di realizzare i propri sogni. Dare voce all’Italia che ha reso grande e meravigliosa l’Italia, e che grande e meravigliosa la farà tornare”.
Perché, ne sono convinto, é solo con Forza Italia, ed un centrodestra unito e di governo, che si può dare voce all’Italia che vuole lavoro, non assistenzialismo, l’Italia che vuole solidarietà e collaborazione, non odio e invidia sociale, l’Italia che vuole sicurezza, meno tasse e vuole dare la possibilità ad ogni cittadino di realizzare i propri sogni. Dare voce all’Italia che ha reso grande e meravigliosa l’Italia, e che grande e meravigliosa la farà tornare”.

Lascia un commento