Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

Calabria: statale 106 completamente arenata.

di Giuseppe Criseo

L’allarme viene lanciato da Franco Romeo su una strada famosa ormai in tutta Italia: la statale 106.

Il disagio e’ tale da indurre a creare per tentare di dare una svolta positiva, a creare anche un gruppo su Facebook,Tutti uniti per la statale 106, per riunire le forze e svegliare la politica dormiente:
“Un decennio fa ci siamo interessati della SS 106 mediante un comitato che ha agito da sprone nei confronti delle istituzioni preposte alla realizzazione della nuova statale.Sembrava che i vari governi che si sono succeduti negli ultimi 10 anni avessero la volontà di finanziare tutti i lotti della nuova strada non ancora appaltati. Ma così non è stato. Oggi la realizzazione della più importante arteria ionica si è completamente arenata.E’ ora pertanto di farci sentire nuovamente, con maggior vigore e partecipazione per elevare la nostra voce di cittadini per perorare quello che è un nostro sacrosanto diritto. Spesso però siamo restii a fare fronte unico per “ribellarci”.Preferiamo star chiusi nella nostra sfera privata, sperando al massimo che siano gli altri a risolverci i problemi,tanto da sembrare rassegnati di fronte all’inettitudine della politica.
Un esempio a cui dovremmo guardare sono le 30.000 persone che, con soli 15 giorni di preparazione sui social, sono riuscite a Torino ad organizzare una manifestazione unitaria,senza le bandiere di partiti,per chiedere la prosecuzione dell’ alta velocità Torino-Lione(TAV), attirando così l’attenzione di tutti i media nazionali e del mondo politico.
Riprendiamo pertanto la nostra “battaglia”che da piccola, potrebbe diventare sempre più importante se il numero di chi vorrà unirsi in questa iniziativa crescerà in modo sostanzioso. Se siete d’accordo aderite a questa pagina di Facebook e invitate tutti i vostri amici a partecipare.Partecipate inoltre alla discussione sulla pagina con pareri e consigli. USCIAMO DAL LETARGO E FACCIAMOCI SENTIRE!”

Speriamo ed auspichiamo che l’iniziativa possa servire a dare una svolta, raggruppando migliaia di persone e forse, quando ci sono i numeri, la politica si interessa.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento