Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

Pubblicato il: 12 Novembre 2018 alle 0:38

Besozzo, da 25 anni ci Lega

Besozzo, da 25 anni ci Lega

Il Senatore Stefano Candiani, Sottosegretario al Ministero degliInterni, ha portato il suo saluto alla festa per i 25 anni di fondazionedella sezione della Lega.

“25 anni fa anche a Besozzo nasceva una sezione della Lega. Anzi, della Lega Lombarda.
Un gruppo di brave persone, senza esperienza politica, ma con tantavoglia di prendersi in prima persona la responsabilità del futuro dellapropria terra.
Gente concreta e determinata che prendeval’iniziativa e raccoglieva la sfida dell’intuizione politica geniale diUmberto Bossi.
Da allora di acqua ne è passata tanta sotto i ponti. Ci sono stati momenti esaltanti e delusioni cocenti.

Ma una cosa è rimasta immutabile negli anni: la determinazione dei militanti a fare la propria parte.
E questo è quello che rende la Lega straordinariamente vitale, anche oggi a 25 anni di distanza.
E lo stesso Matteo Salvini un esempio di impegno militante a 360° sulcampo, tenace e senza paura di chi tenta da sempre di ostacolare ilcambiamento che porta con sè la Lega.
La forza della Lega sta nelle idee, e le idee camminano sulle gambe deimilitanti, persone spesso ignote, che non ambiscono a questo o aquell’incarico, ma che vogliono fare la propria parte per cambiare lecose che non vanno.

Questo spirito è quello che rende la Lega dopo venticinque anni ancora l’unico vero partito politico del territorio.

Cambiano i tempi, mutano i problemi e le soluzioni, ma non ladeterminazione con la quale vogliamo essere “padroni a casa nostra”, pervedere rispettato il nostro impegno quotidiano nel costruire ilbenessere delle nostre comunità, proteggerene e tramandarne l’identità.

E oggi questo messaggio, da sempre coerente, è riconosciuto eapprezzato alla Lega in ogni parte d’Italia” conclude il Senatore, inbattaglia su più fronti sparse sul territorio nazionale a cui è stataletta una poesia in lingua locale che racchiude l’essenza del contattotra territorio e l’immersione costante nel contatto tra la gente.

Lascia un commento