Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

Pubblicato il: 12 Novembre 2018 alle 0:52

APRA accoglie con favore la relazione speciale della Corte dei Conti Europea sui diritti dei passeggeri dell’UE

La Corte dei Conti Europea pubblica una nuova relazione sui diritti dei passeggeri dell’UE: il rapporto conferma che i passeggeri lottano per ottenere il risarcimento dovuto, ma le compagnie aeree sono restie all’applicazione corretta della legge.

La normativa CE 261 è unsuccesso, ma i passeggeri lottano per ottenere il risarcimento che gli è dovuto.Questa è la conclusione della relazione presentata oggi dalla Corte dei ContiEuropea a Bruxelles. Lo studio, intitolato “Idiritti dei passeggeri dell’UE sono completi, ma i passeggeri devono ancoralottare per farli rispettare” (visionabile qui), èun audit completo sul rispetto dei diritti dei passeggeri.

Il rapporto conferma che ipasseggeri dispongono di un sistema UE ben sviluppato in materia di diritti deipasseggeri: per i passeggeri del trasporto aereo, questa protezione si presentasotto forma del regolamento CE 261/2004. La Commissione Europea considera lalegislazione sui diritti dei passeggeri uno dei grandi successi nel conferirepotere ai consumatori; i problemi non sono quindi legati a una protezioneinadeguata, ma a una generale mancanza di consapevolezza tra i viaggiatori ealle questioni relative all’applicazione.

La relazione mostra che laproposta della Commissione di ridurre i costi di assistenza e indennizzo acarico dei vettori, nonché di aumentare i tempi di attesa da 3 a 5 ore, sibasava unicamente su dati molto limitati messi a disposizione dalle compagnieaeree alla Commissione, portando ad un giudizio erroneo riguardo a questielementi della proposta.

Inoltre, un documento di ricercapubblicato di recente dal Collegio d’Europa ha confermato l’efficacia delregolamento CE 261/2004 nel ridurre i ritardi dei voli. Il rapporto hasottolineato anche l’importanza del lavoro che svolgono le società europee di supportoper i reclami per incoraggiare le compagnie aeree a migliorare il loroservizio. Continuando il suo lavoro per rappresentare i diritti dei passeggeriin Europa, l’APRA ha partecipato oggi alla tavola rotonda delle partiinteressate organizzata per presentare il rapporto della Corte dei Conti aBruxelles.

La relazione afferma infine chele società di supporto per i reclami e gli organismi di risoluzione alternativadelle controversie colmano le lacune in materia di rispetto della legislazionesui diritti dei passeggeri: descrive casi in cui i passeggeri sono statiignorati o hanno ricevuto un rifiuto dalle compagnie aeree fino all’ingaggio diuna società di supporto per i reclami, che ha aiutato i passeggeri a far valerecon successo i propri diritti.

Il presidente dell’APRA,Christian Nielsen, ha dichiarato: “Il rapporto dimostra che la gente desideraun risarcimento dopo aver subito le conseguenze di un volo problematico.Tuttavia, due terzi dei passeggeri non reclamano la giusta compensazione perchéne ritengono improbabile l’ottenimento, oppure perché non sono consapevoli deipropri diritti. Siamo orgogliosi del lavoro svolto dalle società di supportoper i reclami per colmare il divario di consapevolezza e giustizia, e nonvediamo l’ora di aiutare sempre più passeggeri in tutto il mondo a comprenderee far rispettare i propri diritti nei confronti delle compagnie aeree non chenon li onorano”.

Lascia un commento