Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

Violenza nel carcere di Opera

Violenza nel carcere di Opera

LA SCONSIDERATA INTEMPERANZA DI TRE DETENUTI. LA PROTESTA DEL SAPPE

Una protesta tanto stupida quanto ingiustificata è stata commessa oggi da tre detenuti stranieri nel carcere di Opera. La notizia è diffusa dal Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria SAPPE, che torna a lanciare l’allarme sulla recrudescenza di eventi critici e violenti nelle carceri del Paese. 

Commenta Alfonso Greco, segretario regionale per la Lombardia del SAPPE: “È di qualche ora fa la notizia dell’ennesimo evento critico avvenuto presso la Casa di Reclusione di Milano Opera. Tre detenuti stranieri hanno messo in subbuglio la Sezione detentiva del I Reparto per ragioni ancora da accertare, cercando di aggredire anche il personale di polizia penitenziaria accorso per ripristinare l’ordine e la sicurezza. È intervenuto nell’immediato anche il Comandante di Reparto della Polizia Penitenziaria che è riuscito, congiuntamente al personale di polizia penitenziaria del reparto, a riprendere in mano la situazione garantendo ai propri uomini la sicurezza e la protezione che meritavano da tempo. I detenuti sono stati tutti allontanati in altri istituti ma purtroppo alcuni agenti sono rimasti contusi, dovendo ricorrere alle cure del  pronto soccorso del nosocomio cittadino. A quanto pare, dunque, non si placano gli eventi critici e le aggressioni a danno  del personale di polizia penitenziaria  ed il futuro non sarà certo roseo se l’amministrazione penitenziaria non eviterà l’implosione delle carceri italiane. Quanto accaduto ad Opera evidenzia come le tensioni e le criticità nel sistema dell’esecuzione della pena in Italia sono costanti. E’ solamente grazie ai poliziotti penitenziari, gli eroi silenziosi del quotidiano a cui va il ringraziamento del SAPPE per quello che fanno ogni giorno, se il numero delle tragedie in carcere è fortunatamente contenuto

“Ogni giorno nelle carceri italiani succede qualcosa, ed è quasi diventato ordinario denunciare quel che accade tra le sbarre”, denuncia Donato Capece, segretario generale SAPPE. “Le carceri sono un colabrodo per le precise responsabilità di ha creduto che allargare a dismisura le maglie del trattamento a discapito della sicurezza interna ed in danno delle donne e degli uomini della Polizia Penitenziaria. Non ci si ostini a vedere le carceri con l’occhio deformato dalle preconcette impostazioni ideologiche, che vogliono rappresentare una situazione di normalità che non c’è affatto: gli Agenti di Polizia Penitenziaria devono andare al lavoro con la garanzia di non essere insultati, offesi o – peggio – aggrediti da una parte di popolazione detenuta che non ha alcun ritegno ad alterare in ogni modo la sicurezza e l’ordine interno.”.

Capece, che esprime solidarietà ed ha parole di apprezzamento per gli Agenti contusi a Opera, aggiunge: “Ogni giorno giungono notizie di aggressioni a donne e uomini del Corpo in servizio negli Istituti penitenziari del Paese, sempre più contusi, feriti, umiliati e vittime di violenze da parte di una parte di popolazione detenuta che non ha alcuna remora a scagliarsi contro chi in carcere rappresenta lo Stato. Non è un caso se, da quando sono stati introdotti nelle carceri vigilanza dinamica e regime penitenziario aperto, gli eventi critici nelle carceri sono decuplicati”.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento