Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

Pubblicato il: 16 Aprile 2016 alle 18:57

Emergenza abusi su bimbi in Colombia. Sono le bambine a subire gli abusi peggiori

COMUNICATO STAMPA
Emergenza abusi su bimbi in Colombia. Sono le bambine a subire gli abusi peggiori. A dirlo uno studio: 18’000 casi nel 2015
Sfruttamento sessuale, pornografia, stupri e traffico di organi, sono fra i pericoli che attentano la sicurezza dei bambini in Colombia. “E’ una situazione raccapricciante”: così è stato descritto un rapporto stilato dall’ente in difesa dei diritti dell’uomo colombiano che parla di 18’000 bambini abusati sessualmente nel paese nel 2015. I dati sono stati forniti dall’Istituto di medicina legale nazionale. Sono invece circa 1’300 i minori che sono stati abbandonati. La violenza sessuale, che rappresenta il 26% del totale dei casi di violazione presi in esame, rimane una costante che si ripete in molti contesti familiari. Nel censimento reso pubblico, si parla, per quanto riguarda il 2016, pure di 142 omicidi, 32 suicidi e 55 casi ufficiali di malnutrizione, questi ultimi nei dipartimenti di Magdalena, La Guajira e Tolima. Cifre allarmanti, tuona Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, testimoniano la brutalità con cui in Colombia sono trattati i minori. Fenomeni quali la povertà, la violenza e l’abbandono, nonché alcune forme di sopruso come i maltrattamenti, l’abuso sessuale e lo sfruttamento del lavoro minorile, continuano a colpire in special modo le bambine. Molti casi rimangono anonimi e non denunciati. L’invito è’ dunque quello di prestare attenzione e denunciare gli episodi di sfruttamento e commercio sessuale infantile, lavorando con le autorità e con il settore privato, specialmente quello turistico, per prevenire, denunciare ed eliminare lo sfruttamento sessuale. La Colombia è una delle mete del cosiddetto turismo sessuale. Sono 80mila gli italiani che ogni anno raggiungono il Kenya, la Colombia, Santo Domingo e molti altri paesi per un turismo che utilizza una rete di schiavisti locali e non solo. Migliaia e migliaia di persone, molti anche gli italiani che vanno a caccia di piccoli nei paesi poveri in cerca di “emozioni speciali”.
Lecce, 16 aprile 2016
Giovanni D’AGATA

Lascia un commento