Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

LOMBARDIA.MARONI:SEMPLIFICAZIONE E RIDUZIONE COSTI NEL NUOVO SISTEMA AUTONOMIE

LOMBARDIA.MARONI:SEMPLIFICAZIONE E RIDUZIONE COSTI NEL

NUOVO SISTEMA AUTONOMIE

SIGLATO PROTOCOLLO INTESA CON ANCI,7 MAGGIO PROSSIMO

INCONTRO

‘REFERENDUM CON AMMINISTRATIVE A GIUGNO, ATTENDO OK

GOVERNO’

(Lnews – Milano, 13 feb) “Ho ribadito ai sindaci che voglio lavorare

insieme a loro per definire il nuovo sistema delle autonomie in

attuazione della riforma costituzionale e, anzi, anticipandola sulla base

di due princìpi: semplificazione e riduzione dei costi di gestione dei

livelli amministrativi”.

PROTOCOLLO CON ANCI – Così il presidente della Regione Lombardia

Roberto Maroni, dopo la sottoscrizione con il presidente di Anci

Lombardia Roberto Scanagatti, del protocollo d’intesa che definisce le

modalità di collaborazione sul Referendum consultivo regionale per

l’Autonomia.

I PRESENTI – All’incontro, ospitato in Sala Biagi a Palazzo Lombardia,

erano presenti anche l’assessore regionale all’Economia, Crescita e

Semplificazione Massimo Garavaglia, il sottosegretario alla Presidenza

di Regione Lombardia con delega alle Riforme istituzionali, Enti locali,

Sedi territoriali e Programmazione negoziata Daniele Nava, presidenti di

provincia e sindaci.

TRE LIVELLI – “Il nuovo sistema delle autonomie della Regione Lombardia

  • ha spiegato il presidente Maroni – prevede tre livelli: Regione, Enti di

area vasta – quelli che io chiamo Cantoni – e Comuni. Abbiamo

individuato una forma di governance che semplifica la vita ai cittadini

e cancella tutto quello che c’è: i Bim, gli Ato, le Comunità Montane, i

parchi”.

ENTRO GIUGNO PROPOSTA AL PARLAMENTO – “Avendo come faro

questi princìpi di semplificazione e riduzione dei costi – ha continuato

Maroni – abbiamo predisposto un documento base che distribuirò ai

sindaci. In ogni provincia ci sarà un tavolo di confronto. Ci ritroveremo il

7 maggio per fare il primo punto ed entro giugno chiuderemo con la

proposta di riforma delle autonomie della Regione Lombardia da

mandare al Parlamento italiano.

DATA IN ATTESA CONFERMA – Quanto alla data in cui si svolgerà il

referendum il presidente Maroni ha dichiarato di aver “Proposto di fare

l’abbinamento con le elezioni amministrative”. “Aspetto una risposta. Il

18 sarò a Roma, a Palazzo Chigi, per Arexpo – ha detto Maroni – e lì

avrò la risposta che spero sarà positiva”. “Ci sono alcune questioni

tecniche che stiamo valutando – ha proseguito il presidente della

Regione Lombardia – ma non c’è stato il no da parte del Governo. Se

la risposta sarà positiva risparmieremo un po’ di soldi e lo faremo in

occasione del primo turno delle elezioni amministrative che – mi dicono

  • forse non sarà il 12 giugno perché è una festa ebraica ma una

settimana prima. Non penso la data sarà spostata oltre il 12, perché la

legge dice che le elezioni vanno fatte entro il 15 giugno”. “L’obiettivo

che ho – ha concluso il presidente Maroni – è fare il referendum insieme

alle amministrative”. (Lnews)

Please follow and like us:

Lascia un commento