Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

LOMBARDIA.FAMILY DAY/3,CAPPELLINI: SPUTI, BESTEMMIE E MINACCE A CHI SOSTIENE FAMIGLIA

LOMBARDIA.FAMILY DAY/3,CAPPELLINI: SPUTI, BESTEMMIE E
MINACCE A CHI SOSTIENE FAMIGLIA
“NON ACCETTIAMO LEZIONI DI CIVILTÀ DA PERSONE INCIVILI”
(Lnews – Milano, 24 gen) “Contestazioni con bestemmie, sputi e
insulti alle Sentinelle in piedi che ieri, oscurate da praticamente
tutti i media italiani, si sono ritrovate in molte piazze italiane con un
libro in mano per ricordare che la Famiglia é quella formata da
una mamma, un papà e possibilmente dei figli. Ecco chi sono i
falsi democratici’, quelli dei ‘diritti di tutti e per tutti’ ma che
appena possono non perdono occasione per insultare chi non la
pensa come loro. Sono quelli della tolleranza e del rispetto, ma
solo a senso unico. Gli stessi che continuano a invadere sui social
network le bacheche di chi sostiene il ‘Family Day’, con minacce
e insulti di ogni genere. E purtroppo molte di queste persone sono
le stesse che scendono in piazza a rivendicare il ‘diritto’ di
adottare e crescere dei bambini. Davvero dei genitori modello!”.
Interviene così l’assessore alle Culture, Identità e Autonomie di
Regione Lombardia, Cristina Cappellini, ricordando le durissime
contestazioni ricevute dalle Sentinelle in piedi che, ieri, si sono
ritrovate in molte piazze italiane a sostegno della Famiglia
naturale.
L’assessore ha anche ricordato i continui insulti e minacce che in
questi giorni sta ricevendo soprattutto tramite i suoi social network.
NON ACCETTIAMO LEZIONI DI CIVILTÀ DA PERSONE INCIVILI – “Non
accettiamo lezioni di civiltà da chi si dimostra incivile, – ha
continuato l’assessore – e andiamo avanti per la nostra strada,
con il sostegno della maggioranza dei cittadini. Dimostreremo
con i fatti il nostro senso di civiltà e i nostri valori, ritrovandoci
sabato prossimo a Roma, che sarà invasa pacificamente e con il
sorriso da tante e tante persone che mai si sognerebbero di
andare a disturbare le manifestazioni altrui”. (Lnews)

Please follow and like us:
error

Lascia un commento