Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

EXPO E LA VIA DELL’ACQUA A VARESE

EXPO’ E LA VIA DELL’ACQUA A VARESE

Expo , che ho visitato ieri , ci ricorda sia pure in forma parziale e non totale come doveva essere nei progetti originari della Esposizione Universale, le vie d’acqua attraverso le quali correvano le merci fin dentro la stessa città di Milano in prossimità del Duomo .
Ma anche Varese ha avuto la sua via d’acqua in quanto un tempo era attraversata da un torrente in guisa di fiume in occasione di potenti precipitazioni il Vellone il cui letto venne poi ricoperto.
La città di Varese nel corso dei secoli è stata una città gravitazionale sia per commerci che per spiritualità.
Quando parliamo di spiritualità pensiamo immediatamente al Sacro Monte come è ovvio ma dobbiamo ricordare che fino dal 1400 ad esrmpio si teneva una annuale processione dalla Basilica di San Vittore alla Chiesa di San Michele di Bosto divenuta parrocchiale solo dal 1575.
Ma tornando all’inizio di questo post diciamo che il torrente Velona nella sua esistenza storica è stato il dato naturale ed il riscontro ambientale che ha sempre caratterizzato e condizionato la vita nelle terre intorno a Varese .
Il Professore Talamona nella sua Conferenza in Provincia ci ha presentato una pergamena del 1523 in cui compare il Vellone la cui esistenza è certificata per altro da numerosi altri documenti e pergamene.
Giuseppe Terziroli
P.S. Sono riportate in foto altre carte rispetto a quella citata e riferite a Santa Maria del Monte.

Please follow and like us:

Lascia un commento