Varese Press giornale online

gli altri siamo noi

Pubblicato il: 23 Giugno 2015 alle 16:36

Busto, festa patronale

Comunicato stampa n. 283 del 23 giugno 2015

 

 

 

OGGETTO:  FESTA PATRONALE: I GRAZIE DELLA CITTA’

 

 

 

Domani, mercoledì 24 giugno sarà celebrata la Giornata del Ringraziamento in occasione della ricorrenza del patrono, San Giovanni Battista: la tradizionale cerimonia civile prenderà il via alle 9.00 nel parco di Villa Tosi.

 

Come d’abitudine, il sindaco Gigi Farioli consegnerà gli attestati di ringraziamento ai dipendenti comunali con oltre 25 anni di servizio e ai maestri del lavoro Annalisa Mineve, Patrizia Milani, Marco Giacomo Colombo, Vittorio Maestro.

 

 

 

Lungo l’elenco dei ringraziamenti alle forze dell’ordine per azioni di particolare rilevanza sociale: il Comandante della Stazione Carabinieri, Francesco Caseri; il maresciallo Rosario Cosentino, gli Assistenti Capo del Commissariato di Polizia di Stato Cristina Carnelli, Michele Ponti, Paolo Santucci, ai Militari del Nucleo Mobile della Guardia di Finanza. Un ringraziamento particolare all’Associazione Nazionale Finanzieri di Busto Arsizio per la preziosa e continua collaborazione alle istituzioni cittadine ed alla procura della Repubblica in forma volontaria.

 

 

 

Sarà poi la Filodrammatica Paolo Ferrari a consegnare il “Premio della Bontà” all’ex presidente Claudio Foresti. A seguire un ringraziamento particolare ad Ambrogio Gobbi, per la disinteressata opera di attenzione all’altro che accompagna la sua scelta vocazionale di servizio alla salute individuale e collettiva.

 

 

 

Novità di questa edizione della Giornata del Ringraziamento, l’istituzione del premio Olga Fiorini, educatrice ed imprenditrice che ha fondato, cresciuto e consolidato un’istituzione scolastica che sin dagli anni Cinquanta contribuisce ad accrescere il prestigio della Città di Busto Arsizio nel campo educativo.

 

Il primo premio Olga Fiorini verrà conferito a suor Carla Bonetti, che ha dedicato la sua vocazione all’educazione, formazione e al sostegno delle nuove generazioni sin dalla più tenera età nelle realtà di san Giuseppe, sant’Edoardo e san Giovanni. E’ direttrice della scuola dell’Infanzia Sant’Anna, prima materna della Città a dedicarsi, grazie a investimenti privati e pubblici, all’educazione delle classi meno abbienti e fu proprio per questo impegno che centocinquant’anni fa Busto Arsizio fu elevata a Città.

 

In questo ambito tematico verrà consegnato un ringraziamento a Don Gianluigi Colombo per l’opera missionaria svolta per oltre 40 anni nelle Filippine, ma soprattutto per lo spirito con cui ha voluto aiutare i giovani a costruire un degno futuro attraverso istruzione e lavoro. Sarà poi la volta del titolo di Bustocco ad honorem, che, su segnalazione de La Famiglia Bustocca, sarà attribuito a Luca Spada per le potenzialità strategiche, economiche e di innovazione di cui l’azienda da lui fondata (la NGI spa) è emblematico esempio.

 

 

 

Come noto, sarà poi attribuita la civica benemerenza a Enrico dell’Acqua, esemplare e sempre attuale rappresentante e testimone dell’imprenditorialità bustocca ed italiana in Italia e nel mondo. Cittadino ed imprenditore visionario, seppe più di ogni altro incarnare i

 

 

 

valori imperituri della ricerca continua del benessere per sé, la propria famiglia, i collaboratori e la società, ponendosi come contemporaneo del secolo scorso e massimo rappresentante di quella economia sociale di mercato che pone l’uomo, la sua tenacia, il suo talento, il suo coraggio, ma anche la sua coscienza morale, al centro di ogni competizione che merita di essere vissuta.

 

Sarà inoltre istituito ufficialmente il premio “Enrico dell’Acqua- difendere e garantire il futuro”, che verrà conferito annualmente ai giovani che con la loro opera, testimonianza, ingegno siano oggettiva ed evidente prova di fiducia, coraggio e di speranza nell’affrontare con ottimismo le sfide complesse del futuro. Il primo premio Dell’Acqua sarà consegnato a Francesca Romana Grati, biologa e genetista, per l’attività di ricerca  nel campo della diagnosi e terapia prenatale; un ringraziamento particolare andrà ad un altro ricercatore, il giovane Stefano Marchionna.

 

 

 

In questo ambito tematico saranno consegnati riconoscimenti alle famiglie Bandera, Comerio e Tronconi per la coerenza, la determinazione e la responsabilità individuale e sociale con cui hanno saputo prima fondare e poi mantenere, nel mutare delle condizioni e dei contesti economici,  realtà aziendali ancora competitive, conciliando spirito di appartenenza, fedeltà alla tradizione e apertura  al mondo e alle sue sempre nuove sfide.

 

 

 

Alle ore 11.00 nella Basilica San Giovanni Battista, monsignor Giovanni Giavini presiederà la messa solenne del santo patrono, in cui saranno ricordati il 60° anniversario di ordinazione sacerdotale di mons. Giovanni Giavini, don Paolo Merlo, don Eligio Genoni, don Paolo Giavini, e il 50° di don Giuseppe Grampa (che terrà l’omelia) e di don Terenzio Borra. A seguire, al primo piano del palazzo municipale sarà scoperta la targa marmorea con inciso il nome del nuovo benemerito.

 

 

 

Dalle ore 10.00 alle ore 18.00 è prevista l’apertura al pubblico della Quadreria dell’Ospedale (piazzale Solaro, padiglione centrale primo piano). Un’occasione per ripercorrere la storia dell’Ospedale che affonda le sue radici nella generosità di tanti filantropi che dal ‘700, con i loro lasciti, hanno contribuito alla nascita e alla crescita dell’Ospedale. Tutte le opere sono corredate dalle biografie, curate dal professor Giuseppe Pacciarotti, che ricordano anche la storia della Città.

 

Nelle vie del centro per tutta la giornata sarà allestito il mercatino di San Giovanni.

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento