VIOLENZA RAGAZZA A RHO, ASSESSORE DE CORATO: ESPRIMO VICINANZA ALLA VITTIMA, COLPEVOLE SCONTI PENA NEL SUO PAESE

 "Il recente episodio di violenza
sessuale nei confronti di una ragazza a Rho ad opera di un
immigrato extracomunitario pone nuovamente all'attenzione la
questione dei reati commessi dagli stranieri". Lo sostiene
Riccardo De Corato, assessore alla Sicurezza, Immigrazione e
Polizia Locale di Regione Lombardia
"E' indispensabile ed urgente - prosegue De Corato - che il
ministro dell'Interno Matteo Salvini, predisponga un decreto
legge che consenta la revoca del permesso di soggiorno agli
immigrati che delinquono". 
"Quanto accaduto a Rho deve farci riflettere e porre in essere
da parte del Ministero degli Interni - aggiunge De Corato - 
accordi bilaterali per far scontare la pena nelle carceri delle
nazioni di appartenenza". 
"Altro caso emblematico e' quello di Hossameldin Antar, il
trentasettenne condannato in Appello a tre anni e otto mesi per
apologia di terrorismo che era un punto di riferimento per i
'fratelli di fede' e che quindi potrebbe esercitare nuovamente
tale ruolo. Recentemente il tribunale gli aveva concesso gli
arresti domiciliari". 
"La certezza della pena si trasforma in certezza dello sconto di
pena, coccolati da un buonismo che ancora oggi reputa il carcere
un luogo di redenzione e non di pena, una vergogna, un vero e
proprio oltraggio per le vittime di reati". 
"Oggi - conclude l'assessore regionale alla Sicurezza -
nell'esprimere solidarieta' e vicinanza alla ragazza violentata a
Rho, cosi' come alla sua famiglia, auspico che il giudice dia il
massimo della pena all'autore della violenza. Ringrazio infine
soddisfazione l'Arma dei Carabinieri per aver arrestato il
delinquente". (Lnews)