NON SI SPRECHINO SOLDI PER MANDARE A PASSEGGIO I MILITARI NELLE CITTA’

COMUNICATO STAMPA DEL 07 DICEMBRE 2016   Oggetto:
ASSURDO CHE IL SOTTOSEGRETARIO ROSSI DICA CHE LA POLIZIA   NON E’ IN GRADO DI SVOLGERE IL SUO RUOLO DI CONTROLLO DEL TERRITORIO: SI INVESTA IN UOMINI E MEZZI E NON SI SPRECHINO SOLDI PER MANDARE  A PASSEGGIO I MILITARI NELLE CITTA’
                       “E’ assurdo che il sottosegretario ...

COMUNICATO STAMPA DEL 07 DICEMBRE 2016   Oggetto: ASSURDO CHE IL SOTTOSEGRETARIO ROSSI DICA CHE LA POLIZIA   NON E’ IN GRADO DI SVOLGERE IL SUO RUOLO DI CONTROLLO DEL TERRITORIO: SI INVESTA IN UOMINI E MEZZI E NON SI SPRECHINO SOLDI PER MANDARE  A PASSEGGIO I MILITARI NELLE CITTA’                        “E’ assurdo che il sottosegretario alla Difesa Domenico Rossi, rispondendo  a Franco Gabrielli, dica che la Polizia non è in grado di svolgere in pieno il suo ruolo   di controllo del territorio e di tutela dell’ordine pubblico, e che per questo è necessario una sorta di compito di ‘supplenza’ dei militari dell’Esercito”. E’ quanto afferma Franco Maccari, Segretario Generale del COISP - il Sindacato Indipendente   di Polizia. “Il rappresentante del governo dimissionario – aggiunge Maccari –  dovrebbe piuttosto spiegare perché la Polizia non è messa in condizioni di svolgere  al meglio il proprio ruolo, nonostante abbia, a differenza dell’Esercito, personale formato in maniera specifica. Il sottosegretario Rossi dovrebbe spiegare perché vengono spesi milioni di euro per mandare a passeggio i militari nei centri storici delle nostre città, mentre vengono tagliati i fondi necessari alle Questure     ed ai Commissariati, che spesso si trovano senza materiale di cancelleria,    con i computer obsoleti, o peggio ancora senza il carburante per fare uscire le Volanti in servizio o per la manutenzione delle auto. Quella che il sottosegretario definisce una maggiore percezione di sicurezza da parte dei cittadini è in realtà un colossale imbroglio, oltre che uno spreco di denaro pubblico, perché difficilmente i soldati  nelle strade delle nostre città possono garantire un servizio efficace di controllo.      Si gettano al vento risorse economiche che potrebbero essere preziosissime se destinate a fornire uomini e mezzi alle Forze di Polizia, per ottenere una percezione di sicurezza del tutto illusoria, perché un militare equipaggiato di tutto punto con armi da guerra,   e peraltro addestrato per compiti del tutto diversi, difficilmente potrà intervenire efficacemente contro un rapinatore o un soggetto violento. Meglio sarebbe investire  per potenziare la dotazione organica e di mezzi delle Forze di Polizia, ed in sostanza consentendo a ciascuno, militare o poliziotto, di svolgere il compito per cui è stato addestrato, in modo da garantire la sicurezza dei cittadini e dello stesso personale”.