GdF:Intervento del Comandante Generale Generale di Corpo d’Armata Giorgio Toschi

COMANDO GENERALE DELLA GUARDIA DI FINANZA Assemblea Plenaria degli Ufficiali Esperti della Guardia Finanza ex art. 4 D.Lgs. 68/2001 Intervento del Comandante Generale Generale di Corpo d’Armata Giorgio Toschi Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Sala Conferenze Internazionali Roma, 20 febbraio 2017 1 SIGNOR MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI E DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE, ILLUSTRE SEGRETARIO GENERALE, AUTORITÀ, GENTILI INTERVENUTI, DESIDERO INNANZITUTTO ESPRIMERE ...

COMANDO GENERALE DELLA GUARDIA DI FINANZA Assemblea Plenaria degli Ufficiali Esperti della Guardia Finanza ex art. 4 D.Lgs. 68/2001 Intervento del Comandante Generale Generale di Corpo d’Armata Giorgio Toschi Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Sala Conferenze Internazionali Roma, 20 febbraio 2017 1 SIGNOR MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI E DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE, ILLUSTRE SEGRETARIO GENERALE, AUTORITÀ, GENTILI INTERVENUTI, DESIDERO INNANZITUTTO ESPRIMERE UN SINCERO RINGRAZIAMENTO PER L’OPPORTUNITÀ CONCESSA DI INAUGURARE, PRESSO QUESTA PRESTIGIOSA SEDE, L’ANNUALE RIUNIONE PLENARIA DEGLI UFFICIALI ESPERTI E DI COLLEGAMENTO DELLA GUARDIA DI FINANZA ALL’ESTERO. LA FARNESINA, CHE RAPPRESENTA IL LUOGO DAL QUALE PROMANANO LE AZIONI E LE STRATEGIE PER LA TUTELA DEGLI INTERESSI NAZIONALI NEL MONDO, COSTITUISCE LO SCENARIO IDEALE PER DELINEARE LE LINEE GUIDA CHE DOVRANNO INDIRIZZARE IN MISURA SEMPRE MAGGIORE L’ATTIVITÀ DEL CORPO A LIVELLO GLOBALE. IL PROGRESSIVO RAFFORZAMENTO DELL’IMPEGNO INTERNAZIONALE DELLA GUARDIA DI FINANZA, ESPRESSAMENTE SANCITO NEL TEMPO DAL LEGISLATORE, È ORMAI ELEMENTO IMPRESCINDIBILE DELLA SUA MISSION, ALLA LUCE DEI MUTEVOLI E COMPLESSI ORIZZONTI GEOPOLITICI E DELLA DIMENSIONE TOTALMENTE TRANSNAZIONALE DELLA MODERNA ILLEGALITÀ ECONOMICA E FINANZIARIA. 2 COME NOTO, INFATTI, L’ACCRESCIUTA MOBILITÀ DEI CAPITALI E L’ESTENSIONE DEL RAGGIO D’AZIONE DELLA FINANZA D’AFFARI HANNO RESO PIÙ COMPLESSE LE NOSTRE ATTIVITÀ DI INDAGINE, MENTRE LE ORGANIZZAZIONI CRIMINALI HANNO POTUTO AMPLIARE IL PROPRIO CAMPO D’AZIONE, PRIVILEGIANDO L’UTILIZZO DI STRUMENTI GIURIDICI E FINANZIARI SEMPRE PIÙ SOFISTICATI. IN TALE OPACO E PROBLEMATICO CONTESTO, L’ATTIVITÀ INTERNAZIONALE, CHE IL CORPO SVILUPPA SEMPRE PIÙ INTENSAMENTE, COSTITUISCE, OGGI, IL PIÙ INCISIVO STRUMENTO PER CONTRASTARE LA CRIMINALITÀ ECONOMICO-FINANZIARIA CHE, ORMAI DA TEMPO, OPERA E PERSEGUE I PROPRI INTERESSI TRAVALICANDO I CONFINI DEI SINGOLI STATI. A PARTIRE DALLA PRIMAVERA DEL 2004, IN ATTUAZIONE DELL’ART. 4 DEL DECRETO LEGISLATIVO 19 MARZO 2001, N. 68, È ENTRATA IN FUNZIONE LA RETE DEGLI UFFICIALI ESPERTI E DI COLLEGAMENTO, DISLOCATI PRESSO LE MISSIONI DIPLOMATICHE ITALIANE ALL’ESTERO IN QUALITÀ DI ADDETTI ECONOMICO-FINANZIARI. A SEGUITO DELL’INIZIALE APERTURA DEGLI UFFICI DI BRUXELLES (RAPPRESENTANZA PERMANENTE PRESSO L’UNIONE EUROPEA), WASHINGTON D.C. E BERNA, LE POSIZIONI SONO STATE PROGRESSIVAMENTE AUMENTATE FINO ALLE ATTUALI 18: 17 IN QUALITÀ DI ESPERTO E UN UFFICIALE DI COLLEGAMENTO. LA NOSTRA RETE DI UFFICIALI IMPIEGATI ALL’ESTERO CURA LE RELAZIONI ED I RAPPORTI DI COLLABORAZIONE CON GLI OMOLOGHI 3 ORGANI DI POLIZIA E CON I PRINCIPALI ENTI ED AUTORITÀ DEI PAESI DI RIFERIMENTO, PROMUOVENDO DIRETTAMENTE, PRESSO LE RISPETTIVE SEDI DI DISTACCO E DI ACCREDITAMENTO, LE INIZIATIVE DI COOPERAZIONE E DI RACCORDO INFORMATIVO ED OPERATIVO A SUPPORTO DELL’AZIONE INVESTIGATIVA DEI REPARTI DEL CORPO. IN QUEST’OTTICA, PARTICOLARMENTE RILEVANTI SONO LE FUNZIONI DA ESSI SVOLTE CHE CONSENTONO DI PROTEGGERE, NEL PAESE ESTERO, GLI INTERESSI ECONOMICI E FINANZIARI DELLO STATO ITALIANO, NEI LIMITI AMMESSI DAL DIRITTO INTERNAZIONALE. L’IMPORTANZA CHE, IN TALE AMBITO, RIVESTE IL DISPOSITIVO ESTERO DELLA GUARDIA DI FINANZA È STATA SPESSO SOTTOLINEATA ANCHE DALLA AUTORITÀ DI GOVERNO. IN PARTICOLARE, LA DIRETTIVA GENERALE PER L’AZIONE AMMINISTRATIVA E LA GESTIONE DEL MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE, NEL DETTARE LE LINEE DI INTERVENTO DEL CORPO PER L’ANNO 2016, HA PER L’APPUNTO PRECISATO COME NEL CONTRASTO AGLI ILLECITI DI CARATTERE INTERNAZIONALE “LA GUARDIA DI FINANZA CONTINUERÀ AD AVVALERSI, IN MANIERA SEMPRE PIÙ EFFICACE, DELL’APPORTO DELLA PROPRIA RETE DI ESPERTI DISTACCATI IN SEDE ESTERA, I QUALI COSTITUIRANNO PUNTO DI RIFERIMENTO ANCHE PER GLI ALTRI ATTORI DEL SISTEMA FISCALE”. NELL’AMBITO DELLE AMBASCIATE E DELLE RAPPRESENTANZE PERMANENTI ITALIANE PRESSO LE QUALI SONO IN SERVIZIO, GLI UFFICIALI ESPERTI E DI COLLEGAMENTO DEL CORPO ESPLETANO LE LORO FUNZIONI SECONDO QUANTO STABILITO IN UN APPOSITO “DISCIPLINARE DI COMPENDIO”, CONDIVISO TRA IL MINISTERO DEGLI 4 AFFARI ESTERI E DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE, IL MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE E LA GUARDIA DI FINANZA. A TREDICI ANNI DALL’INIZIO DELL’ATTIVITÀ DEL NETWORK, POSSIAMO SENZ’ALTRO AFFERMARE CHE IL MODELLO DISEGNATO DAL LEGISLATORE – BASATO SULLA DIPENDENZA GERARCHICA E FUNZIONALE DELL’UFFICIALE DAL CAPO DELLA MISSIONE DIPLOMATICA, PUR MANTENENDO LE COMPETENZE QUALE “TERMINALE” DEL CORPO OLTREFRONTIERA - SI È RIVELATO VINCENTE. LO DIMOSTRANO LE NUMEROSE OPERAZIONI, SVOLTE IN COLLABORAZIONE CON LE FORZE DI POLIZIA E LE AMMINISTRAZIONI FINANZIARIE STRANIERE, CHE HANNO PERMESSO DI PERSEGUIRE ORGANIZZAZIONI E FENOMENI CRIMINALI, ANCHE IN TERRITORI ESTERI SPESSO IMPERMEABILI ALLE INVESTIGAZIONI, OTTENENDO PROVVEDIMENTI DI SEQUESTRO E CONFISCA DI ENORMI PATRIMONI ILLECITAMENTE ACCUMULATI, DISSIMULATI ED OCCULTATI. L’ESIGENZA DI UNA SEMPRE MAGGIORE INTEGRAZIONE INFOOPERATIVA TRA LE ISTITUZIONI DI PAESI DIVERSI È ORMAI CONDIVISA DA TUTTE LE AUTORITÀ STRANIERE CHE HO AVUTO MODO DI INCONTRARE, SIA ALL’ESTERO CHE PRESSO IL COMANDO GENERALE, E DALLE QUALI HO SEMPRE RICEVUTO ATTESTAZIONI DI STIMA E DI ALTA CONSIDERAZIONE PER IL QUALIFICATO CONTRIBUTO FORNITO, ATTRAVERSO LA RETE DEGLI ESPERTI, NELLE INIZIATIVE DI COOPERAZIONE INTERNAZIONALE IN CAMPO FISCALE, DOGANALE, DI POLIZIA E NELLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI. 5 INOLTRE, NELL’INTERESSE DI UN APPROCCIO GLOBALE NELLA LOTTA AL CRIMINE, GLI ESPERTI DEL CORPO FORNISCONO IL PROPRIO CONTRIBUTO ALLO SFORZO DELLA COMUNITÀ INTERNAZIONALE RIVOLTO AL MONITORAGGIO COSTANTE DEI FLUSSI FINANZIARI ED ALL’ESAME DELLA LEGISLAZIONE E DELL’APPARATO AMMINISTRATIVO DI STATI ESTERI, PARTECIPANDO AI LAVORI DELLE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI PREPOSTE A TALE COMPITO. IN PARTICOLARE, IL CORPO VANTA UNA STRETTA COLLABORAZIONE CON L’ORGANIZZAZIONE PER LA COOPERAZIONE E LO SVILUPPO ECONOMICO – OCSE E CON IL GRUPPO D’AZIONE FINANZIARIA INTERNAZIONALE – GAFI. INTEGRATO IN APPOSITI TEAM COORDINATI DALL’OCSE O DAL GAFI, IL PERSONALE DELLA GUARDIA DI FINANZA PARTECIPA ALLE VALUTAZIONI DI NUMEROSI PAESI ESTERI PER ACCERTARNE LA RISPONDENZA AGLI STANDARD DI TRASPARENZA, DI PREVENZIONE E DI CONTRASTO DEI CRIMINI FISCALI, DELLA CORRUZIONE, DEL RICICLAGGIO DI DENARO DI ORIGINE ILLECITA, DEL FINANZIAMENTO AL TERRORISMO E DEL FINANZIAMENTO DELLA PROLIFERAZIONE DI ARMI DI DISTRUZIONE DI MASSA. UN ALTRO CONCRETO APPORTO ALLA SICUREZZA INTERNAZIONALE FORNITO DALLA RETE ESTERA DEL CORPO È COSTITUITO DAL CONTRIBUTO ALL’ORGANIZZAZIONE DI ATTIVITÀ ADDESTRATIVE E DI CAPACITY BUILDING, FINALIZZATE A CREARE UNA CULTURA INVESTIGATIVA CONDIVISA A LIVELLO INTERNAZIONALE ED A DIFFONDERE LE MIGLIORI METODOLOGIE D’INDAGINE, PER FARE IN 6 MODO CHE GLI OPERATORI DELLA LEGALITÀ DI NUMEROSI PAESI POSSANO DIALOGARE E COMPRENDERSI RECIPROCAMENTE DAL PUNTO DI VISTA TECNICO-PROFESSIONALE. LA MENTALITÀ COMUNE E L’INTEROPERABILITÀ TRA LE AGENZIE DI LAW ENFORCEMENT DI STATI DIVERSI CONSENTONO DI CREARE UN FRONTE INTERNAZIONALE AL CRIMINE ECONOMICO-FINANZIARIO, CON BENEFICI ALLA SICUREZZA A LIVELLO PLANETARIO: IN UN MONDO GLOBALIZZATO E DIGITALIZZATO, INFATTI, LE ATTIVITÀ CRIMINALI POSSONO PRODURRE RILEVANTI EFFETTI ANCHE IN NAZIONI ED AREE GEOGRAFICHE MOLTO DISTANTI DAI LUOGHI OVE VENGONO POSTE IN ESSERE LE RELATIVE CONDOTTE. IN TALE CONTESTO, UN RUOLO DI PRIMO PIANO A LIVELLO FORMATIVO È ASSUNTO DALLA SCUOLA DI POLIZIA TRIBUTARIA, RICONOSCIUTA DALL’OCSE QUALE INTERNATIONAL ACADEMY FOR TAX CRIME INVESTIGATION CON SPECIFICA VOCAZIONE PER LA LOTTA ALL’EVASIONE, ALLA CORRUZIONE, AL RICICLAGGIO ED AL FINANZIAMENTO DEL TERRORISMO. L’ISTITUTO, TRA L’ALTRO, SUPPORTA LE ARTICOLATE ATTIVITÀ DEL MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI E DELLA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE NELLA CORNICE DELLA STRATEGIA DI SICUREZZA CENTROAMERICANA. INFINE, OCCORRE SOTTOLINEARE COME L’EVOLUZIONE DEL QUADRO GEOPOLITICO MEDITERRANEO E NORDAFRICANO STIA INDIRIZZANDO, PER L’ANNO IN CORSO, GLI SFORZI DEI COMPETENTI ESPERTI NELLO SVILUPPO DI MODERNI PIANI DI ADDESTRAMENTO A BENEFICIO DELLE FORZE DI POLIZIA DOGANALI E DI FRONTIERA 7 LIBICHE, SAHELIANE E SUBSAHELIANE, COSÌ DA IMPLEMENTARE LE CAPACITÀ DI CONTROLLO DEI FLUSSI MIGRATORI E DEI TRAFFICI ILLECITI A TERRA, IN STRETTA SINERGIA CON LE OPERAZIONI SVOLTE DALLE UNITÀ AERONAVALI DEL CORPO SOTTO L’EGIDA DI FRONTEX. CONCLUDO, QUINDI, CON LA CONVINZIONE CHE L’INSIEME DELLE ATTIVITÀ, FINORA SOMMARIAMENTE DELINEATE, DELLA RETE DEGLI UFFICIALI ESPERTI E DI COLLEGAMENTO DELLA GUARDIA DI FINANZA ALL’ESTERO COSTITUISCA UN PATRIMONIO DI COMPETENZE E DI RELAZIONI SU CUI VALE LA PENA DI CONTINUARE AD INVESTIRE, ANCHE E SOPRATTUTTO NELLA PROSPETTIVA DI VALORIZZARE E DIFENDERE LE ECCELLENZE DELLA NOSTRA CIVILTÀ GIURIDICA E LE POTENZIALITÀ DEL NOSTRO SISTEMA-PAESE, IN UN MONDO ESPOSTO A MINACCE GLOBALI SEMPRE PIÙ INSIDIOSE. NEL RINNOVARLE, SIGNOR MINISTRO, IL MIO SENTITO RINGRAZIAMENTO PER L’ATTENZIONE RIVOLTA ANCORA UNA VOLTA ALLA GUARDIA DI FINANZA, AUGURO A TUTTI BUON PROSIEGUO DEI LAVORI