Sesto Calende, espulso e denunciato Michele Pizzini

0
1059

Seduta calda a Sesto Calende sul progetto della Nuova Marna.
Nella discussione accesa c’e’ stata una prima censura su censura del consigliere Sergio Gumier e negando la possibilità di parlare al suo collega, Leonardo Balzarini.
A questo punto e’ intervenuto in difesa dei due, un altro consigliere Michele Pizzini (Insieme per Sesto).
La seduta si e’ infuocata a tal punto che e’ stato dato del fascista al sindaco da parte del Pizzini e il sindaco ha cercato di allontanarlo, ma vista la resistenza del già citato, e’ scattata la denuncia denuncia per resistenza a pubblico ufficiale.
Pizzini afferma: «Inizialmente ho pensato di dimettermi, per non avere più nulla a che fare con questa gente – spiega -. Poi ha prevalso la voglia di lottare e andare avanti, per difendere non solo me stesso, ma la democrazia in questo paese, dove sembra che prevalgano altri criteri. Io penso di aver fatto la cosa giusta in consiglio comunale, prendendo le difese dei miei colleghi cui veniva impedito di parlare, senza aggressioni o violenza. L’espulsione dall’aula poi non esiste da nessuna parte, è un atto intimidatorio, come intimidatoria è la denuncia. Il sindaco si attacca al fatto che ha ordinato la mia espulsione quando ero seduto tra il pubblico, ma io resto un consigliere comunale non solo sui banchi dell’opposizione, anche per strada, tra il pubblico, sempre: ed espellere un consigliere comunale dall’aula semplicemente non si può fare».

Ampia facoltà di replica tal proposito al sindaco Marco Colombo.

Redazione
Varese Press

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here