PEDEMONTANA: LEGAMBIENTE SU NUOVO AD

0
184

A sorpresa il c.d.a. di Pedemontana ha nominato Giuseppe Sambo Direttore generale della Societa’ che assume contestualmente anche il ruolo di Direttore tecnico operativo, nonche’ Responsabile unico dell”opera (ferma da svariati mesi). Si tratta di un dirigente indicato dall’azionista minoritario di Serravalle che detiene il 13 % della concessionaria controllata da Regione Lombardia che a sua volta detiene l’85% delle azioni di Pedemontana.
07

La Regione ha ceduto il timone del comando ad un socio privato, dopo la fallimentare gestione di Di Pietro per condurre una nave che è rimasta senza soldi per comprare il carburante. Infatti lo scorso anno il bilancio ha registrato ben 22 milioni di perdite e quest’anno ne sono previste altrettante. Nessuno pensa sia possibile la ripresa dei lavori. Infatti Banca Europea Investimenti e Cassa depositi e Prestiti sono titubanti, e le banche italiane hanno fatto sapere che non sono proprio disponibili a finanziare l’opera. A convincerle non sono bastati neppure i 450 milioni di garanzia regionale e i 350 milioni di defiscalizzazione, veri e propri aiuti di Stato, vietati dall’Unione Europea, cui si è ricorso per finanziare ,senza successo, l’opera. Se le banche non si fidano a sostenere l’infrastuttura, vuol dire che il mercato ha bocciato il progetto. Un’eventuale ripresa dei lavori incontrerebbe il pesante macigno della diossina visto che il tracciato dovrebbe attraversare i terreni della ex Icmesa a Seveso. I tre tronconi aperti, i due pezzi incompleti delle tangenziali di Como e Varese e la tratta Cassano Magnago-Lentate sono praticamente inutilizzati ,date le tariffe “salatissime”, doppie rispetto a quelle della media nazionale. I Comuni chiedono invano compensazioni e mitigazioni che sono sempre più inattuabili.

Dario Balotta responsabile trasporti legambiente lombardia
6 maggio 2017 Milano

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here