Moretti, business col c…o

0
352

Il marketing suggerisce sempre nuove soluzioni per far presa sui consumatori, creatività e innovazione per allargarsi alla ricerca di nuovi mercati.

Dico la verità non sono un gran bevitore di birra, dagli alcolici sono sempre stato lontano, tranne in qualche rara eccezione.

Ero rimasto ai vecchi slogan tipo “chiamami Peroni sarò la tua birra”

Ora il marchio Moretti noto e prestigioso si affida a soluzioni nuove ma … visto la fama forse qualcosa di meglio si poteva trovare.

Questioni di gusto e non si parla del prodotto sicuramente ai vertici nonostante i tanti birrifici artigianali.

Dico la mia sulla campagna che si vede nella foto, hanno associato una lettera ad ogni lattina e qualche spiritoso non si sa se di sua iniziativa e/o su proposta del direttore del punto vendita, ha ben pensato di spingere le vendite componendo un termine popolare e di uso comune: CULO.

Niente di scandaloso, visti i tempi in cui tutto e’ normale, anzi la norma vecchia e’ vista come antiquata e superata…

Sarà che ho qualche anno e non sono aggiornatissimo e non mi interessa esserlo, ma vorrei fare una domanda diretta : un marchio prestigioso e importante non riesce a trovare argomenti più carini, più accattivanti senza scadere nell’ovvio e nel becero, o deve scendere ai mezzucci di altri molto meno conosciuti?
Seconda possibilità: non si sono accorti che combinando le lettere si sarebbe potuto arrivare a qualche termine non eccezionale per le proprietà e il bel nome?

Vediamo se e cosa risponderanno.
Vi terremo informati

Giuseppe Criseo
Varese Press

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here