Cuveglio, l’allarme per l’arrivo dei richiedenti asilo-lettera di Emanuele Mattana

0
97
immigrazione

Egregio direttore,
vorrei sapere e proporre al Comune di avere maggiori informazioni su questi migranti. Visto il loro arrivo in questa Valle, in qualità di richiedenti asilo, pronti anche a svolgere lavori socialmente utili, vorrei chiedere al Comune di Cuveglio perché non si organizza un incontro pubblico con loro in qualche sede come una scuola o altro in cui si presentano raccontandoci qualcosa di se stessi?

Ci aiuterebbe a capire di più sul loro passato, sulla loro provenienza e sul perché hanno abbandonato la loro terra. Sarebbe magari un contatto differente, un approccio di conoscenza reciproca. Altrimenti il tutto resta nel calderone del pregiudizio e dello scontro politico/sociale, giusto o sbagliato che sia.

Saranno le persone più brave e buone del mondo ma come noi non conosciamo loro, loro non conoscono noi. Non avere una famiglia, non avere un lavoro, non avere una donna potrebbe comportare dei problemi di sorta… o forse no. C’è chi è pro e chi è contro la loro presenza, chi vede per primo la necessità di aiutarli nel loro paese e chi, invece, li vede meglio in un contesto come il nostro.

Molte teste con molti pensieri diversi. Io la vedo in un modo, altri la vedono in un altro ancora. Ma loro cosa si aspettano di trovare, qui a Cuveglio? Che prospettive di vita avranno e gli si potrà offrire? Perché non iniziamo a fare i “buonisti” prima con i nostri connanzionali bisognosi?
Emanuele Mattana

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here