Regno Unito: pile nel Babbo Natale di cioccolato venduto da Coop. Si indaga per sabotaggio

0
69

COMUNICATO STAMPA

Regno Unito: pile nel Babbo Natale di cioccolato venduto da Coop. Si indaga per sabotaggio

babbo-natale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La catena di superettes Coop sta richiamando 165.000 statuette di Babbo Natale di cioccolato al latte nel Regno Unito, dopo che qualcuno avrebbe inserito due piccole batterie all’interno. In caso di ingestione, queste piccole batterie al litio piatte che hanno una forma di pulsante/moneta, costituiscono un pericolo mortale per i bambini piccoli. È accaduto in un negozio a un bambino che, una volta scartato il Babbo Natale di cioccolato e aperto, ha fatto la scoperta. Il dolce era stato comprato dai genitori che si sono accorti subito del preoccupante ritrovamento e hanno denunciato il fatto. Il negozio ha confermato che un’indagine ha stabilito che le batterie sono state volutamente inserite all’interno cavo della statuetta in almeno due casi distinti. Solo due clienti hanno finora scoperto le batterie nelle loro statuette. Entrambi hanno riferito che solo quando hanno rotto il cioccolato hanno trovato la batteria all’interno, il che suggerisce che la pila è stato messa all’interno del cioccolato prima che la cavità vuota fosse sigillata. La Coop sta lavorando con le autorità competenti per determinare come la manomissione sia potuta accadere. Gli episodi di cui si è venuti a conoscenza solo due giorni fa risalgono alla scorsa settimana e l’ipotesi di reato su cui stanno lavorando le forze di polizia è quella del sabotaggio. Le statuette di Babbo Natale di cioccolato al latte sono commercializzate solo nel Regno Unito e pertanto per l’Italia non esiste nessun pericolo. Si tratta di un trasparenza per produttori e consumatori e a garanzia della sicurezza alimentare, sostiene Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei Diritti”,  per evitare che l’allarmismo travolga in modo ingiustificato i nostri ipermercati, supermercati e negozi nazionali che garantiscono qualita’ e sicurezza alimentare.

Lecce, 26 dicembre 2016                                                                                                                                                                                            

Giovanni D’AGATA

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here