Busto. LE MIGRAZIONI DEI PROSSIMI VENT'ANNI

Busto. LE MIGRAZIONI DEI PROSSIMI VENT'ANNI: APPUNTAMENTO CON GRAMMEMONOS MASTROJENI  
La rete Bust'Occhi aperti sul mondo ha organizzato per venerdì 9 marzo un incontro sul rapporto tra cambiamenti climatici e migrazioni.    Cambiamenti climatici e migrazioni: esiste una connessione tra questi due fenomeni? A chiederselo, cercando di darne risposta, è la rete di associazioni "
Bust'Occhi aperti sul mondo" che ha organizzato per 
venerdì ...

Busto. LE MIGRAZIONI DEI PROSSIMI VENT'ANNI: APPUNTAMENTO CON GRAMMEMONOS MASTROJENI   La rete Bust'Occhi aperti sul mondo ha organizzato per venerdì 9 marzo un incontro sul rapporto tra cambiamenti climatici e migrazioni.    Cambiamenti climatici e migrazioni: esiste una connessione tra questi due fenomeni? A chiederselo, cercando di darne risposta, è la rete di associazioni " Bust'Occhi aperti sul mondo" che ha organizzato per  venerdì 9 marzo un incontro dal titolo " Le migrazioni dei prossimi vent'anniMutazioni climatiche, siccità, desertificazioni e carestie: i nuovi esodi sono appena cominciati".   Alle ore 21.00, nella sala Acli di , all'incontro aperto al pubblico e moderato da  Federico Tosi, Laureato in Relazioni Internazionali e componente del coordinamento "Bust'Occhi aperti sul mondo", prenderà parte il  diplomatico e autore del libro "Effetto Serra, effetto guerra"  Grammenos Mastrojeni. I due discuteranno insieme su quale legame intercorre tra i disordini del nostro tempo e le instabilità sociali, politiche, economiche che affliggono vastissimi territori, soprattutto asiatici e africani. E su come incidono le mutazioni dell’ambiente sulla sempre difficile coesione umana, sulla tenuta della pace e della sicurezza di interi continenti.   Già nel suo libro, scritto insieme al climatologo del Consiglio Nazionale delle Ricerche Antonello Pasini, Mastrojeni prefigura gli scenari ormai certi, o altamente probabili, di migrazioni che -con la stabilizzazione dell'innalzamento della temperatura globale- coinvolgeranno di qui al 2030 centinaia di milioni di abitanti del Sahel e di vaste aree asiatiche. Partendo da questo assunto, la rete di associazioni che da ormai più di un anno si sta occupando del tema dei migranti presenti in città, si interroga sul fatto che  se pochi milioni di profughi climatici ed economici hanno suscitato allarmi catastrofisti e reazioni xenofobe di interi stati europei, modificando gli equilibri elettorali e determinando sismi sociali e culturali,  cosa accadrà quando a riversarsi nel resto dell'Africa e in Europa saranno centinaia di milioni di migranti? Che risposte possono dare le istituzioni internazionali e nuovi modelli economici a questi eventi epocali che si profilano al nostro orizzonte come assolutamente imminenti?   Per incominciare a rifletterne insieme, l'appuntamento è venerdì 9 marzo alle 21.00 presso la Sala Acli di  via Pozzi, n. 3 - Busto Arsizio.