Fagnano. Nuovo appuntamento per la rassegna “Un caffè con l’autore” Bartoletti

che vedrà protagonista l’autore origgese 
Umberto Bartoletti, autore del romanzo “
Trenta giorni per un omicidio” che sarà presentato sabato 
30 settembre 2017 alle ore 17.30 nella Sala del Camino all’interno del  Castello Visconteo di Fagnano Olona, in Piazza Cavour. La presentazione è organizzata dall’Assessorato alla Cultura del Comune e dalla Pro Loco Fagnano Olona, e rientra nel ciclo “Un caffè con l’auto...

che vedrà protagonista l’autore origgese  Umberto Bartoletti, autore del romanzo “ Trenta giorni per un omicidio” che sarà presentato sabato  30 settembre 2017 alle ore 17.30 nella Sala del Camino all’interno del  Castello Visconteo di Fagnano Olona, in Piazza Cavour. La presentazione è organizzata dall’Assessorato alla Cultura del Comune e dalla Pro Loco Fagnano Olona, e rientra nel ciclo “Un caffè con l’autore” che ha visto fino ad ora la presenza delle autrici  Marta Bardi con “ Come impronte nella neve“ e  Miriam Ballerini con “ Accadde una notte nel bosco” lo scorso luglio, mentre a settembre sono stati ospiti al Castello Visconteo  Silvio Foini e “ Il Cavaliere del Monastero di Cairate” e poi  Sergio Covacon il romanzo “ Il Modigliani perduto”. La trama:  Il romanzo, dedicato al Commissario Crespi, è parzialmente autobiografico. Ambientato negli anni ’80 del novecento, nasce con l’idea di raccontare la vita vera di un poliziotto “di strada” e dei suoi uomini, per reazione alla serie di sceneggiati televisivi, nati con la grande saga sulla mafia e che si sono succeduti uno dietro l’altro, descrivendo il poliziotto italiano come una sorta di superuomo costantemente alle prese con sparatorie, inseguimenti sul filo dei 150 all’ora e azioni rocambolesche. La realtà è molto diversa: la vita di un poliziotto è fatta di giornate spesso noiose, di grande pazienza, di indagini difficoltose, di piccoli passi, di grande collaborazione, di spirito di squadra, di intuizioni di singoli sviluppate collettivamente. L’uso delle armi, fortunatamente, è molto raro, così come le lotte corpo a corpo o le esibizioni circensi. Questo vuole raccontare il Commissario Marco Crespi. L’autore:  Umberto Bartoletti è nato a Roma. Nel 1979 è diventato Commissario di Polizia e ha lavorato prima a Genova e poi a Roma, nella locale Squadra Mobile. Nel 1985 è passato alla più grande banca straniera in Italia, per occuparsi di sicurezza. Ritiratosi nel 2006, oggi è curatore di una villa settecentesca in una località a nord di Milano, dove organizza e gestisce eventi culturali.