11 settembre 2001: l’artista Gerhard Richter ricorda la tragedia dei quattro attentati negli Usa

  11 settembre 2001: l’artista Gerhard Richter ricorda la tragedia dei quattro attentati negli Usa L’11 settembre 2001 il mondo cambiò per sempre. Gli Stati Uniti e l’intera civiltà vennero colpiti nei loro organi vitali e riporteranno per sempre le cicatrici di quelle ferite. Diciannove terroristi affiliati all’organizzazione fondamentalista islamica al-Quaeda dirottarono quattro voli civili commerciali. I kamikaze condussero due aerei a schiantarsi sulle torri nord e sud del World Trad...

  11 settembre 2001: l’artista Gerhard Richter ricorda la tragedia dei quattro attentati negli Usa L’11 settembre 2001 il mondo cambiò per sempre. Gli Stati Uniti e l’intera civiltà vennero colpiti nei loro organi vitali e riporteranno per sempre le cicatrici di quelle ferite. Diciannove terroristi affiliati all’organizzazione fondamentalista islamica al-Quaeda dirottarono quattro voli civili commerciali. I kamikaze condussero due aerei a schiantarsi sulle torri nord e sud del World Trade Center di New York, causandone il collasso e la morte di oltre duemilacinquecento persone. Il terzo aereo venne dirottato contro il Pentagono e il quarto, probabilmente diretto contro la Casa Bianca, si schiantò in un campo presso Shanksville, nella Contea di Somerset, in Pennsylvania. Gli attacchi causarono 2.974 vittime (oltre ai terroristi): 246 sui quattro aeroplani, 2.603 nelle Torri gemelle e 125 al Pentagono. Novanta nazioni contarono vittime negli attentati. L’arte ha ricordato più volte quel giorno di terrore e sangue. Gerhard Richter l’ha fatto con un foto-dipinto che sembra velato di lacrime e ci invita a non permettere che quel giorno vada fuori fuoco nelle nostre coscienze e si perda nella dimenticanza che troppo spesso caratterizza la società occidentale, dedita al consumo di ogni risorsa e refrattaria al dolore. Roberto Malini Cultura e Diritti Civili Varese Press Nella foto, “11 settembre 2001” di Gerhard Richter, foto-dipinto, cm 52x72, New York, The Museum of Modern Art (MoMA)