Il 17 settembre 1915 è nato M.F. Husain, artista di una nuova India

Il 17 settembre 1915 è nato M.F. Husain, artista di una nuova India   Il 17 settembre 1915 è nato a Pandharpur il pitttore indiano Maqbool Fida Husain, meglio conosciuto come M.F. Husain, innovatore dell’arte in India e membro fondatore del Progressive Artists Group di Bombay (PAG). Vicino al cubismo, ha dipinto ritratti di personalità come Gandhi o Madre Teresa. Hanno riscosso un grande successo internazionale le sue opere ispirate ai grandi poemi indiani, il Ra...

Il 17 settembre 1915 è nato M.F. Husain, artista di una nuova India   Il 17 settembre 1915 è nato a Pandharpur il pitttore indiano Maqbool Fida Husain, meglio conosciuto come M.F. Husain, innovatore dell’arte in India e membro fondatore del Progressive Artists Group di Bombay (PAG). Vicino al cubismo, ha dipinto ritratti di personalità come Gandhi o Madre Teresa. Hanno riscosso un grande successo internazionale le sue opere ispirate ai grandi poemi indiani, il Ramayana e il Mahabharata, e i suoi cavalli, che richiamano l’immaginario di Pablo Picasso. Non a caso Husain è soprannominato "il Picasso indiano”. E’ il più importante artista moderno dell’India e una sua opera, mentre l’artista era ancora in vita, nel 2008, è stata battuta in asta per la cifra record di un milione e seicentomila dollari. Nella fase matura della sua carriera, ha dipinto alcune divinità indiane in modo non convenzionale o completamente nude, suscitando le ire dei fondamentalisti indù e ricevendo una denuncia per blasfemia e oscenità , oltre che numerose minacce di morte. L’artista però, convinto assertore del secolarismo, viveva fra il Qatar e Londra e non si è presentato a nessuna udienza. E’ stato emesso un mandato d’arresto nei suoi confronti, in seguito sospeso. Oggi è considerato un simbolo della libertà di espressione e della necessità di un nuovo rinascimento culturale, soprattutto nelle nazioni in cui le religioni condizionano le leggi e il comportamento delle persone. E’ morto a Londra il 9 giugno 2011.