Gli Amici della Terra si schierano a salvaguardia dell'Olona

Le due associazioni scrivono a Regione Lombardia e al Corpo dei Carabinieri forestali della provincia di Varese per un presidio di legalità dell’Olona e degli altri corsi d’acqua a rischio inquinamento.

Il Presidente dell’Associazione Amici dell’Olona, Arturo Bortoluzzi, ha inviato una lettera a Regione Lombardia e al corpo dei Carabinieri forestali della provincia di Varese unendosi all'appello promosso dal Presidente degli Amici dell’Olona, che chiedeva aiuto ai carabinieri e anche alla Regione perché si faccia promotrice di un’intesa con e tra istituzioni, Arpa e forze dell’ordine, per un presidio di legalità dell’Olona e degli altri corsi d’acqua a rischio inquinamento.

La necessità che vi sia anche un’intesa tra Regione Lombardia e Corpo sociale, come era stata fatta in passato dal consigliere regionale Luca Marsico.

Siamo convinti che - prosegue il Presidente dell’Associazione Amici dell’Olona, Arturo Bortoluzzi - oltre alle forze dell’ordine, i cittadini interessati debbano essere i primi controllori del corso d’acqua, quindi, è importante che dalla sorgente del fiume, alla foce dello stesso, la Regione abbia a motivare tutti i Comuni interessati alla nomina delle sentinelle e a stabilire regole precise perché il loro lavoro volontario possa essere gratificante.

Non ha senso che le sentinelle siano scelte solo nei Comuni del medio Olona e che queste non operino né in Comune di Varese, né in Comune di Malnate.

Notizie in evidenza