In Francia Leclerc richiama un lotto di mozzarella di Bufala Campana contaminata

Lo scorso 3 maggio il Ministero della Salute francese ha inviato una comunicazione al sistema di allerta rapido europeo (RASFF), segnalando il ritiro dal mercato francese di un marca di mozzarella proveniente dall'Italia per la presenza di Listeria monocytogenes che prontamente lo “Sportello dei Diritti” ha rilanciato nel nostro paese. La segnalazione che ha fatto immediatamente scattare l’allerta a livello europeo (dettagli di notifica - 2018.1198) è pubblica solo perchè il latticino è stato esportato in Francia e in questi casi la norma europea prevede l’obbligo di informare il Rasff. Nello specifico il Ministero francese, dopo che è stata scoperta una contaminazione pericolosa, ha deciso di sospendere la vendita per rischio grave di un lotto importante commercializzato dalla catena dei supermercati E. Leclerc della mozzarella di Bufala Campana, sulla quale un controllo ha rivelato la presenza del batterio Listeria monocytogenes. Il latticino, prodotto in Italia, venduto in buste da 200g, è commercializzato con il marchio di prodotti italiani "Tradizioni d'Italia", appartenente a Leclerc. È stato venduto "nel dipartimento self-service dal 20 aprile" e appartiene al lotto 101, recita il cartello con la nota affisso nei supermercati dal 2 maggio. Leclerc consiglia:" Per precauzione viene chiesto alle persone che hanno acquistato, e che lo conservano in casa, di non consumarlo e riportarlo al negozio". I prodotti hanno una data di scadenza dell'11 maggio. I pacchetti di mozzarella in questione sono stati rimossi dai negozi. I batteri possono causare listeriosi. Le analisi di routine hanno rilevato una contaminazione con Listeria durante un controllo in un negozio di Moselle, ha spiegato il ministero dell'Agricoltura a Parigi. Purtroppo non ci sono altre notizie sul sito del ministero della salute, per cui non si sa, evidenzia Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, se il lotto è stato distribuito anche in Italia